ISO 25000 L'evoluzione della qualità del software, dei dati e dei servizi IT

"Le competenze dell'autore sono basate su informatica, statistica e standard" DN

L'autore


Domenico Natale, autore del presente sito, ha vissuto il passaggio dall'informatica tradizionale degli anni '70 alle tecnologie internet degli anni 2000, dalla programmazione strutturata alle metodologie agili, dalla statistica descrittiva agli analytics. Laureato con lode in Scienze Statistiche e demografiche all'Università Sapienza di Roma, ha conseguito poi con lode la Specializzazione in Informatica. Ha maturato un’esperienza di 35 anni in Sogei - Società Generale d'Informatica - iniziando nel 1976 il suo percorso professionale con il primo corso di formazione interna aziendale.

In particolare si è occupato di applicazioni statistiche in ambito fiscale, metodologie di produzione e produttività, gestione della qualità. Si è specializzato nel campo delle metriche del software e dei dati, di standard ISO di qualità del prodotto, tenendo sempre conto in ottica "Human Computer Interaction" non solo del modello mentale del progettista, ma anche di quello dell'utente finale. Ha partecipato a progetti europei di R&S nell’area della documentazione usabile del software (Progetto Docket) e dell’usabilità del software giuridico (Progetto Estrella). Divenuto dirigente ha ricoperto vari incarichi scientifico-metodologici per il perseguimento della qualità, con ruoli attivi dal 1994 nell'ambito internazionale degli standard ISO, nel settore SC7 del Software Engineering.

E’ attualmente responsabile della commissione nazionale di Ingegneria del software dell’UNINFO, Ente di normazione per le Tecnologie Informatiche, federato all’UNI. E' membro della Commissione UNINFO Informatica medica, e-Accessibility e Intelligenza artificiale. E' co-fondatore dell'Associazione GUFPI-ISMA, Gruppo Utenti Function Point Italia - International Software Metrics Association. E' Consigliere del CDTI, Club dei Dirigenti delle Tecnologie Informatiche. Si è impegnato in diversi contesti a introdurre i concetti della qualità nei sistemi software, favorendone l'accettazione e supervisione a vari livelli manageriali e operativi.

Alla fine degli anni '90 è stato il primo esperto italiano a partecipare al "Member board" dell’IFPUG - International Function Point User Group negli Usa. Ha collaborato nel 1997 allo standard ISO/IEC 14143-1 “Functional size measurement” su cui si fondano vari metodi funzionali; dal 2001 al 2004 è stato "Certified Function Point Specialist", sulla versione IFPUG 4.1.

E’ stato, nell'ambito del progetto SQuaRE ISO 25000, ideatore ed editor, presso il comitato ISO/SC7, dello standard
ISO/IEC 25012Data quality model”, il primo standard ISO dedicato interamente alle caratteristiche della qualità dei dati. E' stato successivamente Editor dell’ISO/IEC 25024 “Measurement of data quality", pubblicato nel 2015. E' co-editor delI'ISO/IEC TS 25011Service quality model” pubblicato nel 2017. Partecipa allo Study Group per la revisione sistematica e aggiornamento dell'ISO/IEC 25010 "System and software quality models", per lo sviluppo dell'ISO/IEC TS 25025 "Measurement of Service quality", per lo study group su Future direction.

Nel 1995 è stato autore del libro “
Qualità e quantità nei sistemi software - Teoria ed esperienze”, pubblicato dalla FrancoAngeli, tra i primi libri in Italia ad approfondire il tema della riusabilità, dell'usabilità, della centralità dell'utente, dei Function Point e dello standard ISO/IEC 9126 sulla qualità del software.

Copertina del libro sulla qualità di D. Natale foto 6

"Abbiamo tentato invano di fotografare il software, ci siamo dovuti accontentare di fotografare una memoria a nuclei di ferrite" si afferma nella presentazione del libro, il 28 febbraio1995. "Misurare in modo preciso ciò che non si vede. E' questo uno degli aspetti trattati dal libro Qualità e Quantità nei Sistemi Software di Domenico Natale, presentato all'Accademia dei Lincei. Natale parla dell'Ingegneria del software, di cui è responsabile nella Sogei… L'autore cerca di identificare l'uso ottimale del software attraverso il suo riuso, la sistematica riutilizzazione, cioè dei dati e dei programmi operativi… Del resto è importante… lavorare sulla riduzione dei tempi di realizzazione del prodotto e contemporaneamente sulla sua valutazione qualitativa quantitativa, utilizzando le appropriate metodologie di calcolo" (ANSA, 1/3/1995).

Ad oltre 20 anni dalla pubblicazione del libro, a seguito delle varie evoluzioni tecnologiche nel campo, si forniscono alcuni aggiornamenti riguardanti il contenuto del libro:
- l'ISO/IEC 9126 sulla qualità del software è sostituito dall'ISO/IEC 25010 che amplia il concetto della qualità del software con le caratteristiche di sicurezza e compatibilità (coesistenza e interoperabilità);
- nel 2008 appare nella scena internazionale l'ISO/IEC 25012, il primo standard ISO sulla qualità dei dati, argomento assente in quasi tutta la letteratura di settore;
- lo standard ISO 25010 si completa nel 2016 con il 25022 e il 25023 sulla misurazione dei livelli di qualità;
- nel 2015 viene pubblicato il 25024 sugli aspetti di misurazione;
- è pubblicata nel 2017 la specifica tecnica ISO/IEC TS 25011 sulla qualità del servizio digitale;
- il tema dell'usabilità, a suo tempo avveniristico, è divenuto centrale in tutto il mondo digitale, specie con l'avvento di internet e l'attenzione alla user experience; all'usabilità si affianca la tematica dell'accessibilità del web per le persone con disabilità;
- il tema della riusabilità del software si è rilevato in crescente sviluppo, in particolare del coding, mentre è ancora in via di estensione e maturazione la riusabilità dei dati e dei formati, specie a livello inter-amministrativo;
- i Function Point dell'IFPUG (International Function Point User Group, Usa), erano stati approfonditi nel libro secondo la versione dell'epoca; a distanza di anni la
tematica dei Function Point è soggetta ad approfondimenti specialmente con riferimento alla qualità del prodotto offerto.

L'autore ha scritto,
tra l'altro, vari articoli sulla qualità e alcuni capitoli in libri specialistici. Partecipa come relatore in Convegni di settore e in corsi universitari o master, in Italia e all'estero. E' in rete dal 2000 con il sito didattico-culturale Mondomatica.

Esperienze

Parallelamente alle attività di standardizzazione svolte nell'ambito internazionale e nazionale in ambito ISO, ha collaborato negli ultimi anni all'applicazione pratica degli standard di prodotto del progetto SQuaRE -
ISO 25000. Le attività, in funzione dei livelli di conoscenza pregressa, sono consistite in:
- workshop introduttivi;

Disegno sulla formazione di Fabio Vettori 2017 www.fabiovettori.it
www.fabiovettori.it

- descrizione dei modelli di qualità dei prodotti software, dati e servizi IT e metriche relative;

Disegno di riunione di lavoro di Fabio Vettori 2017 www.fabiovettori.it
www.fabiovettori.it

- avviamento delle attività di misurazione delle dimensioni funzionali del software e delle caratteristiche non funzionali, cioè di qualità del prodotto, di complemento ai meri aspetti dimensionali e di costo;
- revisione di documenti relativi a progetti o analisi di ausilio alle
valutazioni sulla qualità dei dati (cataloghi di applicazioni e banche dati, modelli concettuali, definizioni di misure, analisi di database, formati);
- approfondimenti sull'
accessibilità e usabilità del web o app, in coerenza con le recenti direttive europee, con consolidamento dell'approccio "user centered design";
- supporto alla valutazione della qualità di
applicazioni e di siti web, compresa l'analisi e la normalizzazione dei contenuti;
- assistenza manageriale e tecnica per la definizione di un rapporto di self-assessment o assessment indipendente;
- contributo all'individuazione di soluzioni di conformità, pre-certificazione o certificazione ISO 25000.

"La scrittura non è un nemico della memoria, ma un utile supporto della conoscenza" DN

Bibliografia

Le evoluzioni delle pubblicazioni scientifiche e divulgative si accompagnano allo sviluppo degli standard internazionali, e viceversa.

A volte le pubblicazioni e gli standard si anticipano e si confermano a vicenda. Altre volte gli standard chiariscono e normalizzano i vari punti di vista scientifici presenti nel mondo accademico e sul mercato mondiale, costituendo le migliori prassi di amministrazioni e imprese.

Si riporta una lista di pubblicazioni sulla qualità a carattere tecnico-scientifico di interesse dell'autore o in cui è stato coinvolto. Seguono antefatti storici, libri, articoli riportati su riviste o su Atti di Conferenze e standard ISO disponibili in italiano su www.uni.com e in inglese su www.iso.org.

Libri

Pubblicazioni tecnico-scientifiche:

I. Caballero Munoz-Reia, A. I. Gomez Carretero, F. Galo Cejudo, J. M. Garcia, B. Rivas Garcia, M. Piattini Velthuis, "Calidad de Datos", DqTeam, Ra-Ma, Madrid, 2018
C. Batini, M. Scannapieco, "
Data and Information Quality - Dimensions, Principles and Techniques", Springer, 2016
M. G. Piattini, F. O. Garcia Rubio, I. Garcia Rodriguez de Guzman, F. Pino, "
Calidad de Sistemas de Información", Ra-Ma, Madrid, 2015
D. McGilvray,
"Executing Data Quality Projects", Morgan Kaufmann Publishers, 2008
C. Batini, M. Scannapieco, "
Data Quality - Concepts, Methodologies and Techniques", Springer, 2006

Antefatti storici precursori di argomenti attuali:

"Qualità dei dati e standard ISO/IEC 9126: analisi critica ed esperienza nella Pubblica Amministrazione italiana" - D. Natale (Sogei), M. Scannapieco (Università Sapienza), P. Angeletti (Sogei), T. Catarci (Università Sapienza), G. Raiss (AIPA) - Anteprima del Convegno VLDB-Very Large Data Base, Roma, 10 settembre 2001
"Mondomatica: esperienze e immagini del mondo dell'informatica", sito di D. Natale, www.mondomatica.it, 2000
"
Qualità e quantità nei sistemi software - Teoria ed esperienze", D. Natale, FrancoAngeli, 1995
"Un nuovo metro per il software", ZeroUno, Tecnologie, n. 161, pag. 101-104, 1995
"
Benefit of metrics in a Large Software Organization", IAP, University of Maryland, 1994
"Software metrics", First Australian Conference on Software Metrics, ACOSM, Sydney, 1994
"
Misure, metriche e indicatori informatici", Congresso Annuale AICA, Atti Volume II, Palermo, 1994
"
Product quality", ISO/IEC 9126, Interim meeting JTC1 SC7 WG6, Torino, 1991
"
Applicazioni di metriche per la qualità del software", Conferenza Nazionale Funzione Pubblica, Roma, 1991
"
Software quality and metrics application in Sogei", Informatica, First Conferenceon Software, Bratislava, 1991
"
On the impact of metrics application in a large software maintenance environment", IEEE, CSM - Conference on Software Maintenance, Sorrento, 1991
"
Software quality and use of metrics", AQuIS-Achieving Quality in Software, Pisa, 1991
"
Document and Knowledge elicitation toolset", Esprit Project 5111 Docket, 1991
"
Metodologia della complessità", D. Natale, P. Giuliani, Periodico Finsiel: Il Pensiero Informatico, 1989
"
Qualità del software: alcune sperimentazioni di metrica", D. Natale, P. Giuliani, Seminari sulla ricerca e le frontiere tecnologiche del Gruppo IRI, Atti del Convegno di Genova, 1987

Libri in cui D. Natale ha collaborato:

Coral Calero, Ma Angeles Moraga, Mario G. Piattini, "Calidad del producto y proceso software", [Cap. 2, Nigel Bevan "Los nuevos modelos de ISO para la calidad y la calidad en uso del software" (ISO/IEC 25010); Cap. 3, Domenico Natale "ISO/IEC 25012 Modelo de Calidad de Datos Y Data Governance"], Ra-Ma, Madrid, 2010
AA.VV. Gufpi-Isma, "
Metriche del software - Esperienze e ricerche", (Cap. 8, A. Cavallo, M. Martellucci, F. M. Stilo, N. Lucchetti, D. Natale "Impiego della FPA per la stima dei costi di personalizzazione di sistemi ERP"), FrancoAngeli, 2006
AA.VV. Gufpi-Isma, "
Metriche del software - Esperienze e ricerche", (Cap. 12, D. Natale "La qualità dei dati e delle Informazioni"), FrancoAngeli, 2006
AA.VV. Iwa, “La legge 4/2004: dalla teoria alla realtà”, (Cap. 8, D. Natale "La fruibilità delle informazioni") - International Web Master Association, 2005;
AA.VV., "I disabili nella società dell'informazione - Norme e tecnologie", (Cap. 3, D. Natale "Gli aspetti sociali della disabilità"), FrancoAngeli, 2002

Articoli di D. Natale pubblicati sulla Rivista UNI-Unificazione&Certificazione:

- "App per la salute",
con Pier Angelo Sottile, 2018
- "La qualità dei dati: concetti e misure", 2016
-
"La qualità dei dati e l'anagrafe digitale", 2015
- "I nuovi standard ISO sulla qualità del software e dei dati", con Enrico Viola, 2012
- "
La qualità dei dati e l'ISO/IEC 25012", 2009
- "
Qualità, accessibilità e fruibilità delle informazioni", 2005

Articoli di D. Natale su Atti conferenze, Riviste, sito web:

- "
Sviluppo digitale e economico: le 4 vie", Rivista online Key4biz, CDTI Forum, settembre 2018
-
"Qualità dei dati", Quaderno "io Roma" dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma, Speciale "L'Ingegneria dell'Informazione", 3/2017
- "
La qualità dei dati e l'Informazione statistica", coautori M.C. Paoletti, A. Simonetta, Rivista degli infortuni e delle malattie professionali, INAIL, Fascicolo 1, 2012
- "Complexity and data quality
", Conference CHItaly, Alghero, 2011
- "
Data quality e Open data", Convegno nazionale AICA, Torino, 2011
- "
La metrica dei Function Point e la sua applicabilità agli sviluppi tradizionali e innovativi", Quaderni Cnipa, Metriche per lo sviluppo del software, Anno I, 2004
- "
Accessibilità e fruibilità delle informazioni", Rivista Informatica & Documentazione, INFORAV, 2004
- "
Un web per tutti", ASPHInforma, 2002

Standard ISO/UNI a cui D. Natale ha collaborato:

UNI/TR 11708:2018 "
Caratterizzazione delle App nel contesto della salute, benessere e stili di vita"
UNI/TS 11725:2018 "
Linee guida sulla misurazione della qualità dei dati"
ISO/IEC TS 25011:2017 "
Systems and Software engineering - Systems and software product Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - Service quality model"
UNI CEI ISO/IEC 25024:2016 "
Ingegneria del software e di sistema - Requisiti e valutazione della qualità dei sistemi e del software (SQuaRE) - Misurazione della qualità dei dati"
ISO/IEC 25022: 2016 "
Systems and Software engineering - Systems and software Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - Measurement of quality in use"
ISO/IEC 25023: 2016 "
Systems and Software engineering - Systems and software Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - Measurement of system and software product quality"
ISO/IEC 25024: 2015 "
Systems and Software engineering - Systems and software Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - Measurement of data quality"
ISO/IEC 25000:2014 "
Systems and Software engineering - Systems and software Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - Guide to SQuaRE
UNI CEI ISO/IEC 25012:2014 "
Ingegneria del software e di sistema - Requisiti e valutazione della qualità dei sistemi e del software (SQuaRE) - Modello di qualità dei dati"
ISO/IEC 25010: 2011 "
Systems and Software engineering - Systems and software Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - System and software quality models"
ISO/IEC 25012: 2008 "
Software engineering - Software product Quality Requirements and Evaluation (SQuaRE) - Data quality Model"

Informativa sulla Privacy e sui Cookies.
Non è consentita la copia o la stampa dei contenuti © 2017-2019 iso25000.it

Utenti connessi